Ilsorrisodeibimbi | Costruiamo l’amore?
6590
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-6590,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.4.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Costruiamo l’amore?

Cari genitori, cari nonni, zii, insegnanti, educatori e…cari bambini, se credete che uno psichiatra e uno psicoterapeuta sia qualcuno  che ha a che fare con “quelli strani” sbagliate di grosso! Se pensate che questa rubrica sia dedicata a chi non è come voi…fermatevi un solo minuto! E’ tutto molto più semplice: chi scrive è un “dottore delle emozioni” e di queste (non di cose strane) ci vogliamo occupare. Le emozioni sono tutto quello che sentiamo dentro di noi e che dà intensità alla nostra vita :capacità di essere vicini, rabbia, paura e vari mix di tutto questo. Le emozioni sono un bene di tutti : nascono e crescono nel cuore dei bambini e, a seconda degli insegnamenti ricevuti dagli adulti vicini, riescono a crescere rilassate regalandoci la tranquillità oppure hanno dei blocchi: in questo ultimo caso non riescono a vivere o a convivere con armonia ed equilibrio e sono fonte di disagio. Alle volte questa sofferenza “si vede” (tristezza, ansia, difficoltà alimentari, problemi di sonno, problemi a scuola, di socializzazione e tanto altro),altre volte resta chiusa nel segreto dell’animo di chi soffre.

In entrambi i casi non si vive bene ed è utile chiedere un aiuto: per risolvere i guai occorre un esperto nel linguaggio dell’emotività (che si chiama psichiatra o psicologo o psicoterapeuta, a seconda della sua formazione) che sappia comprendere dove come quando e perché si sono formate le difficoltà e possa indicare la strada più breve per uscirne: un professionista che può aiutare chiunque- che sia però motivato e sensibile- a guardarsi dentro e a cambiare in meglio qualche cosa di sé.

Tutto chiaro fin qui? Perché adesso arriva il difficile! Se chi soffre è un bambino, la possibilità di capire come sta e di aiutarlo dipende dagli adulti vicino a lui. Spesso , infatti, chi lo ama non conosce il significato di molti suoi atteggiamenti e richieste, come si manifestano le sue emozioni e che cosa vogliano comunicare: un vero peccato, perché i cuoricini dei bambini parlano chiaro veramente fin da piccini piccini (perfino nel ventre della mamma!) e mostrano spesso segni di malessere in maniera sincera e diretta: perché lasciare a pochi la possibilità di capire? Aiutare un piccolo vuol dire arricchire il presente e il futuro suo, di chi lo ama e della società, del bene più prezioso: la serenità.

Allora…”Costruiamo l’amore?”. Se siete in cerca di una risposta a dubbi e quesiti o avete delle curiosità sulle emozioni dei piccoli e dei grandi intorno a loro, provate a scrivere a questa rubrica : daremo delle risposte e analizzeremo il bellissimo legame che ci unisce all’interno della famiglia, imparando a potenziare il bene e a minimizzare i guai; proveremo ad esprimere concetti importanti con parole semplici, magari proprio quelle dei bambini…Ora tocca a voi! Ogni vostra lettera sarà un mattoncino prezioso per la costruzione del cuore e dell’amore di tutti noi.

Romana Caruso

Giornale / Rivista

Bresciaweek

Date

18 ottobre 2015

Category

Rassegna Stampa