Ilsorrisodeibimbi | Le prepotenze figlie di anziani mai “cresciuti”
80
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-80,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.4.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Le prepotenze figlie di anziani mai “cresciuti”

Un anziano uccide un altro anziano. Nel momento della vita dove è fisiologico incominciare a pensare alla morte come a un passaggio ormai vicino e alla vita come un bene da gustare sempre più a fondo, un uomo anticipa la fine di un coetaneo: tutta colpa di un parcheggio.

Leggendo la notizia sul giornale si resta attoniti: anche nella terza età impera la violenza che siamo abituati a vedere e criticare negli adolescenti e nei giovani adulti e che troppo semplicisticamente imputiamo ad una aspecifica immaturità. Faccia a faccia due estremi: un potente fuoristrada e una Fiat Punto di un tranquillo verde metallizzato, un uomo di successo ancora attivo lavorativamente e una coppia che gestisce una condizione di invalidità al cento per cento; un mondo a cui concretamente non manca nulla e una delle tante condizioni di forzato bisogno. Forse proprio questo ha fatto scattare la rabbia di Guido – la vittima -, che ha chiesto aiuto alla forza pubblica, ma si è trovato costretto, in qualsiasi modo siano andati i fatti, a cavarsela da solo. E non ce l´ha fatta. In campo, infatti, è sceso uno degli stati emotivi più dannosi per il singolo e, di conseguenza, per la società: la prepotenza. Questa è una condizione emotiva primordiale, la prima modalità affettiva che conosce l´uomo per esprimere la propria aggressività: il bambino che pretende la salvifica attenzione della mamma che ascolti e soddisfi immediatamente ogni necessità. Per fortuna questa pretesa magica evolve attraverso una crescita emotivamente sana e si trasforma progressivamente in capacità di chiedere quello di cui si ha bisogno. Ma anche nella capacità di chiedere scusa.

Quante orribili scene della vita quotidiana e sociale potrebbero essere diverse se si arrivasse a completare lo sviluppo della persona, ovvero alla cosiddetta maturità: essere «grandi», alla fine, è arrivare proprio ad essere in grado di pronunciare quella magica parola, «scusa», l´unico antidoto alla «grandiosità» patologica che genera morte in continuazione.

Romana Caruso

Giornale / Rivista

Bresciaoggi

Date

22 novembre 2011

Category

Rassegna Stampa